Federazione Coldiretti Torino

Informazioni generali sul territorio della Provincia

La Struttura Coldiretti:

Sistema Servizi Coldiretti:

Link consigliati da Coldiretti:

Le Federazioni Provinciali Coldiretti:

Ricerca nel sito Coldiretti:


Area Riservata:

Utente

Password

Home > Coldiretti Torino > News & Eventi

News & Eventi

Informazioni Coldiretti

N.25 - 01/04/2019

Coldiretti chiede di anticipare l’avvio del periodo irriguo

TORINO «A livello regionale piemontese il deficit di precipitazioni dall’inizio dell’anno è del 65 per cento: in linea con quello di Torino. Sui monti la neve è relegata oltre i 1.800-2.000 metri; scarsa sul cuneese e sulle basse e medie vallate del torinese». Così Fabrizio Galliati, vice presidente di Coldiretti Piemonte e presidente di Coldiretti Torino, commenta marzo 2019, mese della siccità, con appena dieci millimetri di pioggia caduta: un quarto rispetto alla norma. Una primavera calda e con poche precipitazioni in vista dell’estate potrebbe vedere arrivare la siccità di cui già sono comparsi i primi effetti. Il periodo asciutto, saldato a temperature elevate per gli agricoltori non porta bene per le colture. Un aiuto potrebbe arrivare dalle piogge primaverili, ma - al momento - di perturbazioni significative non vi è ancora traccia. Con una primavera calda e poco piovosa, il rischio di siccità in estate è concreto. Il risultato? nel torinese, come in tutto il Piemonte, gli agricoltori sono preoccupati per le semine primaverili di mais e soia, stante anche la difficoltà nell’effettuare le necessarie lavorazioni dei terreni,  ma anche per le colture invernali già in campo, come per i foraggi, per i nuovi impianti arborei da frutta e viticoli e, più in generale, per evitare di compromettere la fase produttiva di un’intera campagna agraria, si registra la necessità di soddisfare un fabbisogno idrico già deficitario».
Michele Mellano, direttore di Coldiretti Torino, aggiunge «Coldiretti Piemonte ha chiesto alle amministrazioni competenti di intervenire con interventi urgenti a supporto del settore agricolo, anche in linea con quanto sollevato dall’Anbi, Associazione nazionale bonifiche italiani, anticipando l’avvio del periodo irriguo, con lo scopo di permettere, laddove se ne ravvisi l’urgenza, la possibilità di effettuare bagnature straordinarie. Questo consentirebbe alle imprese agricole di poter avviare l’irrigazione straordinaria per alcune colture. A livello regionale piemontese, alla luce degli evidenti cambiamenti climatici in atto, è urgente definire un piano strutturale per gli invasi che possa consentire di attivare un sistema multi-obiettivo che permetta di efficientare la gestione delle acque. Coldiretti chiede di rendere più flessibile l’inizio e la fine del periodo irriguo. A fronte del periodo di siccità in cui siamo piombati serve un cambio di mentalità. Si deve passare a una cultura della prevenzione con opportuni interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque, possibili solo attraverso opere infrastrutturali».
-25cdto2019

Stampa

                                                              contatta: torino@coldiretti.it
                                                                  torino@pec.coldiretti.it

                                                               Federazione Provinciale Coldiretti Torino
                                                          Via Pio VII, 97 - 10135 TORINO
                                                   Tel. +39.011.6177211- Fax +39.011.3161348