Federazione Coldiretti Torino

Informazioni generali sul territorio della Provincia

La Struttura Coldiretti:

Sistema Servizi Coldiretti:

Link consigliati da Coldiretti:

Le Federazioni Provinciali Coldiretti:

Ricerca nel sito Coldiretti:


Area Riservata:

Utente

Password

Home > Struttura > Giovani Impresa

Giovani Impresa

 Il  Movimento Giovanile, emanazione della Federazione Provinciale Coltivatori diretti di Torino, annovera più di mille giovani associati di età compresa tra i 14 e 28 anni; all’inizio di questo nuovo anno 2000 è impegnato in una fase d’attenta ricerca mirata alla realizzazione di un nuovo modo di fare impresa.

La struttura  del Movimento Giovanile è caratterizzata dalla figura  del Delegato Provinciale che congiuntamente ad un funzionario della Coldiretti, il Segretario, coordina  e definisce le linea guida  dell’intera struttura, con l’appoggio del Comitato eletto di 21 rappresentanti. 

Per tutto quello che riguarda la parte amministrativa ed economica, invece, il Movimento Giovanile rientra nel patrimonio della Federazione; non esiste quindi un bilancio proprio del Movimento Giovanile.
Il Movimento Giovanile, grazie ad una struttura orizzontale costituita dalle sezioni locali, opera attraverso una struttura centrale a livello provinciale, che definisce le linee guida , coordina, organizza tutte le iniziative appositamente studiate per la qualificazione dell’imprenditoria agricola, garantendo l’informazione grazie proprio alla capacità e alla presenza sul territorio.
 
L’obiettivo principale, che collega tutte le attività del Movimento Giovanile sia a livello di attività sindacale che di attività di formazione e ludico creative, è quello di riuscire a trasmettere ai giovani una nuova politica di investimenti aziendali in base ai nuovi scenari politico-economici che si stanno delineando per il mondo agricolo.
Il significativo cambiamento degli scenari economici e politici a cui stiamo assistendo ha cementato, infatti, l’esigenza pressante di un nuovo mercato dei servizi alla persona e di azioni mirate al miglioramento della qualità della vita rurale e della autoimprenditorialità giovanile. In base a ciò il Movimento Giovanile non può altro che risultare uno strumento interessante che accompagna il giovane verso le scelte e le strategie aziendali che non possono e non devono essere individualistiche bensì inquadrate in contesti più ampi, globali.
Il Movimento Giovanile, organo importantissimo per garantire la presenza dei giovani nel settore, non  può non tenere in considerazione tale cambiamento.
Per questo si fa portavoce  del progetto “” ad integrazione del progetto “Terra” che, con una serie di azioni  e iniziative, mira al raggiungimento  di una nuova mentalità imprenditoriale dei giovani che operano in agricoltura, nonché, alla ricerca di alleanze sociali fra tutti gli enti, le associazioni che compongono il corpo intermedio delle democrazie di diritto (organizzazioni sindacali, sociali, ecc…), al fine di favorire l’integrazione dell’agricoltura nell’intero sistema socio-economico, per creare da una parte un circuito di formazione e aggiornamento professionale che garantisca non solo il buon funzionamento del Movimento, ma di tutte le sue componenti che interagiscono tra di loro, dall’altra un sistema di confronto politico con tutte le istituzioni pubbliche e private presenti sul territorio.
Il progetto garantisce, inoltre, spunti importanti per la formazione dei dirigenti capaci in piena autonomia di muoversi sul territorio per divulgare obiettivi ed ideologie del Movimento Giovanile al fine di allargare ulteriormente la base associativa, preparando le nuove leve alla nuova mentalità.
 

PRIMO LIVELLO: Il Delegato
 
Le due funzioni principali del Delegato sono quelle di coordinare l’attività dei gruppi locali del M.G. e mantenere i rapporti con gli organi della Federazione Provinciale Coldiretti.
E' stato nominato dall’Assemblea dei Giovani il 23 marzo 2018
Giovanni Benedicenti, di Riva presso Chieri
              
 
SECONDO LIVELLO: La Segreteria
 
La funzione principale del Segretario del Movimento Giovanile è quella di collaborare con il Delegato in tutti i rami di attività del Movimento Giovanile, svolge le mansioni burocratiche, redige i verbali delle sedute e firmandoli con il delegato.
 

TERZO LIVELLO: Il Comitato
 
Il Comitato provinciale del Movimento Giovanile adempie ai compiti che ad esso sono stati demandati dall’Assemblea provinciale:
1.     Predispone il programma annuale da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea provinciale del Movimento;
2.     elabora i programmi particolareggiati per la formazione dei dirigenti locali;
3.     organizza giornate di studio e riunioni, allo scopo di migliorare la preparazione sociale, sindacale, tecnico-professionale ed economica dei giovani coltivatori;
4.     studia e divulga, attraverso convegni, riunioni e la stampa, i problemi della categoria e particolarmente della gioventù coltivatrice della provincia;
5.     Si impegna concretamente, avvalendosi dell’appoggio della Federazione Provinciale Coltivatori Diretti affinché tali problemi siano risolti;
6.     stabilisce la data di convocazione e l’ordine delle Assemblee e delibera l’eventuale convocazione d’Assemblee straordinarie;

In seguito all’ultima Assemblea Elettiva tenutasi in sede provinciale Coldiretti sono state elette le seguenti persone:
(ambito territoriale di Bussoleno)
Maria Vittoria Coccifero di Cesana Torinese

(ambito territoriale di Caluso)
Luca Leggero, di Villareggia

(ambito territoriale di Carmagnola)

Davide Gioannini, di Carmagnola
Davide Villata, di Pralormo

(ambito territoriale di Chivasso)

Danilo Savio, di San Sebastiano Po

(ambito territoriale di Ciriè)
Elio Ricca, di Ciriè
Mauro Coriasso, di Leinì

(ambito territoriale di Ivrea)
Roberto Adda, di Pavone Canavese 

(ambito territoriale di Pinerolo)

Alberto Gabello, di Cercenasco
Andrea Dellacroce, di Vigone

(ambito territoriale di Rivarolo)

Ialisa Tapparo, di Borgiallo
Davide Boggio, di San Giorgio Canavese

(ambito territoriale di Rivoli)
Alberto Cairola, di Villarbasse

(ambito territoriale di Torino)

Fabrizio Bertola, di Candiolo

QUARTO LIVELLO: Il Gruppo di base a livello comunale
 
La funzione principale del gruppo di base e quella divulgativa.
Analizzando la situazione attuale si è pesato di formare non più gruppi di base a livello comunale, ma a livello intercomunale
 

QUINTO LIVELLO: I Gruppo Giovanissimi
 
La funzione principale del Gruppo Giovanissimi è quella di aggregazione e divulgazione ed è costituita da individui di età compresa dai 15 ai 18 anni.
Il gruppo giovanissimi è da tenere in considerazione come gruppo di partenza per iniziare un discorso di formazione per i futuri rappresentanti del Movimento Giovanile.

                                                              contatta: torino@coldiretti.it
                                                                  torino@pec.coldiretti.it

                                                               Federazione Provinciale Coldiretti Torino
                                                          Via Pio VII, 97 - 10135 TORINO
                                                   Tel. +39.011.6177211- Fax +39.011.3161348